Visualizzazione di 1-12 di 20 risultati

Sale!

Charlie Barnao , È nata al Sud!

 8,00  7,60
Oggetto di questo libro è la ricostruzione di alcuni “anni di vita” di un gruppo di studiosi: il cosiddetto gruppo di Portici. Parliamo, cioè, di quel gruppo che – con sede alla facoltà di Agraria di Portici – nel periodo dall’immediato dopoguerra fino ai primi anni ’60, ha costituito un punto di riferimento per gli studiosi italiani e per quelli stranieri in una serie di ricerche interdisciplinari (economia e politica agraria, botanica, agronomia, sociologia). Alcuni li hanno definiti un gruppo di amici, altri un gruppo di studiosi all’avanguardia, per altri ancora si è trattato di un gruppo di folli, per qualcuno – addirittura – di un gruppo di collaboratori della CIA. Per molti si è trattato di un gruppo di studiosi che, a vario titolo e da diversi approcci e punti di vista, con il loro lavoro hanno gettato le basi della sociologia italiana.
Sale!

Charlie Barnao , Le prostitute vi precederanno.

 12,00  11,40

La prostituzione è il mestiere più antico del mondo? Forse. Tuttavia svolge funzioni sociali e assume significati sempre diversi in relazione al periodo storico in cui si manifesta. Attraverso il racconto, in stile autobiografico, di una ricerca etnografica durata oltre dieci anni – la prima del genere in Italia – viene descritto e analizzato il mondo della prostituzione, nel tentativo di comprendere il punto di vista dei suoi protagonisti, cercando di vedere la realtà con i loro occhi. In questo lungo viaggio (condotto principalmente in Italia, ma con delle parentesi di alcuni mesi in Colombia e negli Stati Uniti) si sfatano alcuni luoghi comuni, si evidenziano tendenze e principali caratteristiche, vengono messe a confronto la prostituzione femminile con quella maschile. Il quadro che emerge è quello di un fenomeno complesso e variegato che si trasforma e si adatta velocemente alle esigenze del mercato, divenendo una lente di ingrandimento privilegiata per comprendere le trasformazioni odierne del rapporto tra uomo e donna.

Sale!

Cleto Corposanto , Narrazioni di salute nella web society.

 19,00  18,05
La narrazione fornisce rappresentazioni sociali e vissuti individuali particolarmente ricchi, contribuendo così ad aprire nuove e inedite prospettive nella descrizione della realtà. Nei racconti di malattia vengono al pettine nodi cruciali – e confliggenti – che si intersecano fra valori e visioni del mondo, nozioni di malattia e di salute, idealtipi di medicina e di scienza. La narrazione è quindi probabilmente la via migliore per accedere all’evento di malattia e all’esperienza di cura, come vissuti originari della persona. In questo modo diviene motore e simbolo di una trasformazione della pratica clinica, una trasformazione che non deve restare confinata nel tempo di malattia né venire limitata alle condizioni patologiche in cui non è più possibile guarire. La malattia vissuta dai soggetti ha a che fare con la biologia, ma riguarda anche fattori che parlano della vita: fattori soggettivi, validi per un singolo individuo e non per altre persone pur affette dalla medesima patologia. La malattia descritta dal medico appare agli occhi del malato come una struttura lineare. Essa ha un nome, un decorso, un esito. Della malattia in quanto processo biologico, il medico sa tutto o quasi; della malattia come esperienza del paziente invece spesso conosce poco.
Sale!

Cleto Corposanto, Vanessa S. De Francesco Le relazioni alimentari Sociologia e cibo: storia, cultura, significati

 12,00  11,40

Raramente la sociologia italiana ha trovato intersezioni con una delle cose che le persone fanno quotidianamente: mangiare. Non è accaduta la stessa cosa in ambito internazionale. Le ragioni sono tante e mutevoli (e in questo testo le principali vengono puntualmente trattate), a seconda dei tempi e degli orientamenti ideologici. Questo libro nasce anche per esplorare un mondo ricco di significati che per troppo tempo, in maniera colpevole, gli studi sociologici hanno sottaciuto. Dimenticando che mangiare in gruppo è l’unica caratteristica che contraddistingue in maniera peculiare uomini e donne dagli animali (che quando mangiano in gruppo lo fanno per ragioni totalmente differenti). Abbiamo scelto di partire con “Le relazioni alimentari” per avviare la nuova collana che si chiama #sociologie. A sud, dove le relazioni alimentari sono, se vogliamo, ancora più marcate e ricche di significato rispetto ad altre realtà territoriali. Perché sia chiaro che la verità non è una sola, ma è una verità determinata nel tempo e nello spazio. Oggi, qui.

Sale!

COVID-19 Manuale pratico per medici e operatori sanitari

 19,00  18,05

Prefazione di Giovambattista De Sarro, Roberto Cauda
Il testo offre le indicazioni principali per una corretta gestione della patologia COVID-19 in un’ottica multidisciplinare quale è stata quella adottata presso il centro COVID-19 del Policlinico Universitario “Mater Domini” di Catanzaro. Oltre che trattare aspetti prettamente infettivologici, vengono infatti affrontate problematiche essenziali e di frequente riscontro nel paziente COVID-19, non solo nell’ambito internistico generale ma anche in altri ambiti specialistici. Gli argomenti affrontati potranno trovare utile applicazione sia nell’ambito ospedaliero che nell’ambito della medicina territoriale. Viene dato ampio spazio a indicazioni per un corretto supporto respiratorio, così come alla gestione di problematiche cliniche non prettamente inerenti alla patologia infettivologica ma frequenti in questi pazienti quali il controllo glicemico, la gestione dei disturbi idro-elettrolitici, il trattamento e il monitoraggio domiciliare. Viene altresì presentata una revisione critica dei dati di letteratura relativi al trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2 (purtroppo ancora non consolidato e in divenire), nonché delle prospettive vaccinali.

Sale!

Fernanda Tassoni Le français de l’entreprise

 15,00  14,25

Le français de l’entreprise s’adresse aux étudiants qui veulent mieux connaître le fonctionnement de l’entreprise et se donne pour but de leur donner les clés nécessaires pour lancer une entreprise en France.
Les cinq chapitres qui le composent sont liés entre eux: on part de la définition, du classement et de l’organisation interne de l’entreprise pour passer à l’étude de la mercatique, puis de la production, et enfin de la vente et du travail dans l’entreprise. Le cinquième chapitre est dédié aux pistes pour la création d’entreprise.
Chaque chapitre comporte des exercices pour s’entraîner à la compréhension et à la production de textes, illustrés par des documents authentiques et mis à jour.
En conclusion de l’ouvrage, on a introduit un précis de grammaire avec les outils nécessaires pour pouvoir communiquer en langue.

Sale!

Gianfranco Macrì L’Europa fra le Corti Diritti fondamentali e questione islamica

 14,00  13,30
La caratteristica più evidente dello spazio pubblico interculturale è quello di offrire ai soggetti che compongono la complessità la chance di integrare, senza demolire, il contesto di riferimento. La cifra politica di questo nuovo modo di intendere la convivenza civile parte dal presupposto che la persona umana rappresenta la “posta in gioco” più preziosa da preservare e che le comunità, i gruppi, le organizzazioni, hanno il compito di supportare questa risorsa senza pretendere di egemonizzare il rapporto con i poteri pubblici. Sulla base di questo presupposto, chiunque può ritrovare le ragioni per non considerarsi “estraneo” ovunque risieda, valorizzando il proprio bagaglio culturale all’interno di una dimensione inclusiva e non respingente. Compito del diritto interculturale sarà quello di “tradurre” le dinamiche del confronto in regole progressivamente accessibili, facili da declinare perché flessibili, senza imporre modelli rigidi frutto di una visione della società fortemente condizionata da canoni monoculturali. L’islam rappresenta una buona cartina di tornasole per verificare come la democrazia costituzionale si predispone a guidare i grandi cambiamenti in corso. E l’Europa, quella dei diritti e delle libertà fondamentali, attraverso i suoi documenti e l’azione dei suoi tribunali, si presenta come lo spazio politico-istituzionale e ordinamentale più importante per analizzare fino a dove e attraverso quali soluzioni è possibile spingersi per dare risposte ai problemi della post-modernità.
Sale!

Il caso degli speleologi di Lon L. Fuller e alcuni nuovi punti di vista Un approccio alla filosofia del diritto attraverso dieci pareri di fantasia A cura di Andrea Porciello

 15,00  14,25
“The Case of the Speluncean Explorers” è certamente l’opera più nota del filosofo del diritto americano Lon L. Fuller (1902-1978), in cui l’autore immagina un processo a carico di quattro speleologi accusati di aver ucciso e mangiato un loro quinto compagno che li accompagnava in una sfortunata spedizione. Fuller nell’operetta espone i cinque pareri di altrettanti giudici dell’ipotetica Corte Suprema di Newgarth: ogni parere incarna una posizione giusfilosofica, e nel suo complesso l’opera introduce il lettore ad alcune delle più importanti questioni giusfilosofiche di tutti i tempi, quali l’interpretazione della legge, il rapporto tra i poteri dello Stato, i limiti della legittima difesa, la pena di morte. Al “caso” fanno seguito i pareri di Anthony D’Amato e di Andrea Porcello. I dieci pareri sono infine corredati da due saggi di Andrea Porciello, il primo su Fuller e i concetti chiave del suo pensiero e il secondo in cui si esplicita la filosofia contenuta nei pareri riportati.
Sale!

Isaia Sales Storia dell’Italia mafiosa

 19,50  18,53

Storia dell’Italia mafiosa rappresenta un’importante innovazione nello studio e nell’analisi dei fenomeni mafiosi in Italia. Per la prima volta viene ricostruita in maniera unitaria la storia della mafia, della ‘ndrangheta e della camorra dalla nascita nel Mezzogiorno borbonico, allo sviluppo nell’Italia post unitaria, al definitivo affermarsi in età repubblicana, fino ai nostri giorni. Si è dinanzi ad un grande affresco storico che individua le ragioni di fondo di un modello criminale il cui successo dura ininterrottamente da duecento anni. Il volume rappresenta inoltre il contributo più significativo al superamento delle interpretazioni dominanti delle mafie come frutto esclusivo del Mezzogiorno, della sua arretratezza economica e sociale, di una cultura omertosa e complice. Isaia Sales dimostra come quel racconto, pressoché immutato da due secoli, continui a costituire un formidabile ostacolo alla comprensione delle mafie e a rappresentare, nella migliore delle ipotesi, un colossale abbaglio. Pagine appassionanti svelano perché le mafie, nonostante gli auspici di tanti, non siano state sconfitte dalla «modernità», anzi si siano trovate pienamente a loro agio dentro di essa, senza alcun imbarazzo. E sono ancora qui nell’Italia post moderna di oggi, nel mondo di Google e dell’Ipad. E non solo nel Mezzogiorno.

 

Sale!

Luigi Ventura Il diritto di resistenza

 14,00  13,30
Prefazione di Alessando Morelli

Il diritto di resistenza è un tema classico del costituzionalismo, tornato oggi di grande attualità a fronte delle formidabili sfide che gli Stati costituzionali si trovano a dover affrontare. Nel presente volume viene riproposto lo studio di Luigi Ventura sulla resistenza, facente parte del più ampio volume su Le sanzioni costituzionali, pubblicato nel 1981. L’idea che sta alla base della proposta teorica dell’Autore è quella di ricostruire la resistenza come un’istanza immanente all’ordinamento costituzionale: essa vive nei congegni istituzionali e nelle iniziative popolari volte alla protezione dello stesso ordinamento. Si tratta di una tesi congeniale anche all’attuale contesto economico e sociale globalizzato, nel quale pure non è agevole individuare i poteri reali contro i quali esercitare una resistenza proiettata alla tutela dei diritti fondamentali e dalla dignità umana, nel solco della più autentica e preziosa tradizione del costituizionalismo moderno.

 

Sale!

Massimo La Torre Il diritto contro se stesso. Saggio sul positivismo giuridico e la sua crisi.

 20,00  19,00
Il concetto di diritto è da sempre materia di controversia. La modernità vuole chiudere questa col riferimento al fatto del diritto positivo, sia la legge d’un sovrano, o la decisione del giudice, o una mera convenzione o consuetudine o forza. La fattualità risolverebbe la questione della giuridicità. Di questo tratta il libro e delle dottrine che sul punto si arrovellano e ammoniscono l’orgoglio del giurista come operatore neutrale e “scientifico”.
Sale!

Massimo La Torre Il giudice, l’avvocato e il concetto di diritto

 15,00  14,25

Sembra che dell’avvocato dottrina e filosofia del diritto non si curino. La loro ricerca verte soprattutto sulle “fonti”, sul “sistema” e i suoi princìpi, o su “istituti” ed “idee”, ma di rado scende nel concreto della “lotta per il diritto” di cui parlava Jhering. Semmai è la “lotta per la scienza del diritto”ciò che le appassiona ed intriga. E se pure scende nell’agone pratico, è sul giudice che vuole ragionare e dibattere. Sul difensore, sul patrono, pesa ancora l’immagine negativa dell’Azzeccagarbugli – e non ci si degna di rivolgere lo sguardo ad un oggetto tanto vile. Qui l’avvocato, il suo ruolo e la sua etica professionale scompaiono dunque sotto la luce – che si crede accecante – della “positività” dell’atto di legislazione. Questo libro è allora un tentativo di ricominciare a porre al centro della teoria del diritto il discorso di applicazione della norma e non meramente quello della loro produzione o giustificazione. Si vuole inoltre dire che nonostante gli sforzi di scientificità e di neutralità dello “scienziato del diritto”, il problema del diritto è anche quello delle virtù ch’esso è in grado di mobilitare a suo sostegno.