Sale!
ISBN: 9788854885202

Mario Fiorentini Il Giurista e L’Eretico.

 30,00  28,50

La libertà di coscienza è il criterio principale per valutare la risposta delle società alle domande di spazi di autonomia degli individui. Il volume analizza le forme di repressione della dissidenza religiosa dall’Impero romano–cristiano ai secoli XVI–XVII, mediante la comparazione tra la legislazione antiereticale tardo–romana e le normative emanate nell’Europa della prima età moderna. Particolare attenzione è riservata alle discussioni tra i giuristi in favore o contro le pene di sangue e all’analisi del tentativo, prospettato da François Bauduin (1520–1573), di ridimensionare la portata sanguinaria delle normative tardo–antiche che disponevano la pena capitale per gli eretici, realizzato con una critica interpolazionistica impiegata non a scopi filologici ma per indurre i legislatori a mitigare le normative penali antiereticali. Il libro viene così a toccare il tema delle vie sanguinose e irte di sofferenze per le quali si è arrivati prima all’idea di tolleranza e poi di convivenza religiosa.

1 disponibili

Descrizione

pagine:  644

formato:  17 x 24

data pubblicazione:  Novembre 2016

editore:  Aracne

collana:  Le Vie Del Diritto

Formato: brossura

Informazioni aggiuntive

Peso 1.074 kg
Dimensioni 24 × 17 × 3.5 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mario Fiorentini Il Giurista e L’Eretico.”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *