Visualizzazione di 4 risultati

Sale!

Campbell-Assistenza Preospedaliera al Paziente Politraumatizzato – Manuale per Medici e Infermieri per i corsi ITLS ( International Trauma Life Support ) base e avanzati

 47,00  44,65

Seconda edizione italiana, a cura di Ghiselli, Corsi, Croci, D’Angelo, Dente, condotta sull’ottava edizione americana
Il professionista dell’emergenza sanitaria, nell’approccio al trauma, non solo deve ridurre all’essenziale le fasi di valutazione, trattamento e rianimazione, ma deve anche adottare uno schema di approccio rapido ed efficace, che gli permetta di identificare tutti i problemi ad immediato rischio di vita, senza trascurare alcun dettagli

https://www.idelsongnocchi.com/assistenza-preospedaliera-al-paziente-politraumatizzato

 

Sale!

Casagranda-Medicina di Emergenza Urgenza

 95,00  90,25

Ha ancora senso proporre un testo cartaceo che abbracci molti argomenti, quando la rete, ormai facilmente accessibile con strumenti a rapida connettività, offre in pochi secondi ciò che uno cerca, soprattutto in ambito medico? È la domanda che ci siamo fatti quando abbiamo ricevuto la proposta di essere gli Editor di un testo di Medicina di Emergenza-Urgenza.Così abbiamo lasciato cadere la prima richiesta e anche una seconda da parte del dott. Guido Gnocchi, Editore e proprietario della Edizioni Idelson Gnocchi 1908.Alla terza richiesta ci siamo ritrovati e ci siamo detti: se un Editore di così provata esperienza insiste, un motivo ci dovrà pur essere, e noi possiamo rispondere a un patto: avere la libertà intellettuale di poter percorrere una strada originale o quantomeno con degli elementi di originalità. Abbiamo provato a riflettere sulla possibilità di mettere insieme il mondo del cartaceo con quello del web, della rete. Poi abbiamo cercato di capire cosa ne pensassero i giovani, gli Specializzandi in Medicina d’Emergenza-Urgenza; non solo, ma abbiamo sentito anche molti autorevoli Colleghi. Infine abbiamo raccolto attorno a noi un gruppo di Colleghi/amici che ci aiutassero, con i rispettivi collaboratori, a progettare e scrivere i capitoli del testo. In conclusione proponemmo all’Editore un testo che trovasse nella sua strutturazione, oltre che negli argomenti trattati, la ragione della sua esistenza e della sua durata nel tempo. Il testo comprende una parte cartacea e una multimediale.Il testo cartaceo si compone di un capitolo introduttivo dedicato all’evidence based medicine (EBM) e di 21 sezioni, la prima delle quali comprende i sintomi di presentazione. Nelle sezioni, dalla seconda alla quattordicesima sono trattate le patologie, nella quindicesima le grandi emergenze e nella sedicesima le patologie ad indirizzo specialistico. Seguono tre sezioni particolari dedicate all’analgesia e alla sedazione, alla medicina legale e alla violenza di genere. Chiudono il testo scritto la sezione dedicata ai farmaci dell’urgenza e alla terapia antibiotica. Molti capitoli sono stati redatti secondo i principi dell’EBM. In tutti i capitoli, al fine di attirare l’attenzione del Lettore, sono state inserite con un accorgimento grafico (il taccuino) delle note o degli elementi desunti dall’esperienza di ogni singolo autore.Alla fine di ogni capitolo è riportata la lavagna, anch’essa soluzione grafica utilizzata per riportare gli elementi chiave di ogni capitolo che viene riassunto poi in una flow chart finale. L’impaginazione è stata resa molto gradevole e le tabelle hanno un diverso colore a seconda del contenuto (anamnesi, esame obiettivo, esami strumentali e di laboratorio, ecc.). A fine capitolo è stato riservato al Lettore uno spazio dove appuntare le proprie considerazioni.La novità e la specificità consistono nell’inserimento della componente multimediale che permette al testo di essere anche uno strumento di tutoraggio (da qui il sottotitolo in copertina: web tutorial manual). Attraverso l’inserimento dei Quick Response Code (QR code) si dà al Lettore la possibilità di accedere tramite smartphone o tablet PC a tutorial, immagini statiche o dinamiche, approfondimenti/aggiornamenti e alla bibliografia di ciascun capitolo.Questi materiali possono essere continuamente rinnovati e aggiornati dando al manuale la caratteristica dell’evergreen. Non solo, ma chi acquista il manuale può a sua volta inviare, sullo specifico argomento, casi clinici incontrati nel proprio lavoro quotidiano.Questi casi, una volta supervisionati da un apposito comitato scientifico editoriale, verranno inseriti nel QR code della bibliografia in un’apposita cartella e messi a disposizione di tutti i Lettori che potranno inviarci i loro materiali, i commenti, i suggerimenti e i pareri sui contenuti del testo e della parte multimediale inviando un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica info@idelsongnocchi.it. Un ringraziamento a tutti gli Autori che hanno collaborato alla stesura del testo e in particolare a Gianfranco Cervellin, Daniele Coen, Fabrizio Giostra, Roberto Lerza e Mauro Marenco per l’impegno profuso nella revisione dei capitoli. Un grazie sentito ad Andrea Magnacavallo che ha reso possibile l’arricchimento del testo, mettendo a disposizione la sua competenza e il proprio archivio di immagini ecografiche da inserire nei QR code. Non dimentichiamo, infine, l’impegno e l’entusiasmo della Redazione a cui è stato chiesto di seguirci in un percorso non sempre facile.

https://www.idelsongnocchi.com/medicina-emergenza-urgenza/

 

Sale!

D’agostino-Manuale di Anestesia. Guida pratica in sala operatoria

 33,00  31,35

Le professioni, come tutte le cose umane, nascono, crescono, maturano, si stabiliscono, evolvono e mutano (alcune declinano e scompaiono). In campo medico, ciò è avvenuto più volte e avviene tutt’ora.
Due esempi, fra i tanti possibili: a fine Ottocento, il microscopio perfezionato ha permesso al malariologo, investigatore dei globuli rossi del sangue per trovarvi il plasmodio, di diventare ematologo; a metà Novecento, quando la tubercolosi ha ceduto il primato delle cause di morte per malattia, il tisiatra è diventato lo pneumologo che in certi casi diventa anche oncologo. L’esemplicazione potrebbe continuare.
Colui che nel corso dei secoli ha ottemperato al concetto che “divinum est opus sedare dolorem”, dalla metà dell’Ottocento in poi è diventato l’anestesista che, con metodi e mezzi via via sempre più perfezionati, ha potenziato la capacità umana di togliere sensibilità e coscienza al dolore, nonché, più tardi, di far tornare cosciente chi non lo è più. Sono nati così, dopo gli esperti del pronto soccorso e della terapia d’urgenza, gli specialisti della rianimazione.
L’anestesista “rianimatore” è oggi, contemporaneamente, internista, fisiologo, farmacologo, tecnico elettronico e altro ancora, un tecnologo della medicina che meglio di altri conosce i segreti della terapia intensiva farmacologica ed elettromeccanica. È un medico in grado non solo di far vivere un individuo in condizioni di morte apparente – immoto, insensibile, incosciente, ibernato, collassato -, ma anche di strappare alla morte un individuo in imminente pericolo di vita. È un medico militante alle frontiere della scienza, nella terra, di nessuno e di tutti, situata tra la vita e la morte.
Un esempio per ogni curante.

https://www.idelsongnocchi.com/manuale-di-anestesia/

Sale!

Marco Ranieri,Luciana Mascia,Luigi Tritapepe, Manuale di anestesia rianimazione e terapia intensiva

 29,00  27,55

Il percorso di formazione del medico non può prescindere dalla capacità di riconoscere e trattare le situazioni cliniche di urgenza o di emergenza, di natura medica o chirurgica, che si possono presentare presso le strutture di area critica, pronto soccorso e terapia intensiva nonché nei più comuni reparti di degenza. Per affrontare l’esame di Emergenze medico-chirurgiche lo studente dispone finalmente di un testo agile e didattico in cui le principali condizioni di instabilità, gli aspetti teorici alla base delle criticità e i principi di base del trattamento sono sintetizzati efficacemente con tabelle e diagrammi.